Calmi calmi, non voglio essere blasfema, ma solo mettere alla luce un aspetto che può rendere tutta la vicenda dell’amico Covid interessante. Avete presente il film “La bellezza del somaro”? Ecco in questo articolo faremo questo: cercheremo e mostreremo la bellezza in un fenomeno che apparentemente bellezza non ha.

DataViz

Chi non ha un feticismo? Il mio è la Data Visualisation, ossia rendere i numeri piacevoli alla vista. Per meglio dire, sono tutte quelle operazioni che da un database (sia numerico che caratteriale) fa sì che escano fuori mappe, istogrammi, diagrammi e chi più ne ha ne metta.

Questi eventi di portata mondiale solitamente danno sfogo alla fantasia delle persone e creano incroci e mappe che rendono il fenomeno più comprensibile più bello (perché di questo si parla,beltà). Iniziamo a vedere quelle più classiche e che probabilmente molti di voi hanno già visto spilucchiando giornali britannici.

Questa è la mappa che, aggiornata al 28 febbraio, mostra quali sono i casi di Coronavirus fuori dalla Cina. La fonte è la BBC (per altre mappine vai qui), che non si ferma a mostrare la cartina del mondo generica, ma fa vari focus, tra cui uno di nostro interesse.

Ebbene sì, non poteva mancare la cartina dell’Europa, con una bella Italia rossa. In questo caso il rosso non indica la diffusione del Comunismo e neppure le vittorie del PD (sarebbe molto ironico!). Al contrario, più un paese è rosso e maggiore è la presenza di casi (sospetti o accertati) di Coronavirus.
Dunque, connazionali attenzione! ALLARME ROSSO, i russi ci invadono.

Ma continuamo con le mappine. Una molto interessante pubblicata da MappaRoma analizza un aspetto molto peculiare del Nord, zona maggiormente vulnerbile ma al contempo anche famosa per la produttività. Dunque, epicentro industriale e virale.

La mappa mostra gli 11 comuni lombardi in isolamento e quelli attorno, la gradazioni di colore indica il numero di pendolari che escono o entrano in questi comuni giornalmente ogni mille abitanti.
Affascinante, eh? Pensare che cosa si riesca a scoprire da dati, che per lo più sono pubblici e dunque alla portata di tutti.

Se, come me, siete ammagliati da questo mondo di DataViz un sito da tenere d’occhio è quello del CIDRAP (Center for Infectious Disease Researche and Policy). Un esempio:

Coronavirus e Reddit in pillole

E per ultimo, ma non per minor importanza, il Covid che spopola su Reddit. Non abbiate timore, lo so che in Italia il social è famoso per l’Alt-right, ma non ci sono solo nazisti che complottano per instaurare una nuova dittatura mondiale. Infatti, si trovano molti canali molto istruttivi e per tutti i gusti.

Tra questi ve ne è uno in particolare che ha catturato la mia attenzione: r/DataBase, all’interno del quale un utente ha pubblicato un database completo e dettagliato, seppur ancora poco aggiornato (si ferma a 20 giorni fa), dei casi di Coronavirus nel mondo e lo potete trovare qui. Se masticate un po’ di R, software di programmazione, vi basterà copiare ed incollare lo script pubblicato e avrete un sorprendente risultato (per quanto la visualizzazione di R non sia delle migliori in termini di grafica).

Purtroppo non è interattivo e potrebbe risultare difficile alla comprensione, dunque scaricate R e divertitevi (ve lo prometto che così sarà). Oltre a questo se volete avere updates sul Coronavirus sottoforma di mappe guardate il sito Covid19info.live.

Il Covid diventa un meme

Per chi avesse letto l’articolo precedente, saprà che un altro mio feticismo sono i meme. Ma d’altronde, dopo i grafici quale altra massima espressione artistica se non i meme per rappresentare in maniera ironica e divertente un tale fenomeno?
Dunque, vediamone alcuni che mi hanno particolarmente fatto sbellicare dalle risate.

Covid e l’amore per le mascherine

Questo meme secondo me è geniale perché prende due aspetti della società attuale: il primo è il vecchio e amato Antivirus, le generazioni più giovani non lo conoscono neanche più. Rappresenta il debutto di Internet e la sua massificazione. La seconda tematica riguarda le mascherine e la corsa alle armi. Per chi avesse vissuto nell’ultima settimana in una caverna o sull’Himalaya senza connessione internet faccio un piccolo recap. La diffusione del Coronavirus in Italia ha creato una psicosi sociale, portando la gente a svuotare supermercati e fare scorte decennali di amuchina e mascherine. Tant’è che ora sembrano esser divenuti un bene di lusso e praticamente introvabili.

Covid e lo spread che impenna

Molti economisti ne parlava già all’inizio quando il fenomeno si limitava alla Cina, ma ora che è giunto anche in Italia abbiamo già letto e sentito di come questo stia già avendo e avrà a lungo termine effetti economici. Pil che diminuisce, aziende chiuse, turismo in decrescita e perdite di milioni d’euro per hotel e alberghi. Ecco come riassumere tutto questo in maniera ironica:

Come si viene infettati? Nordic countries, relax

Ironia sulla poca socialità dei paesi scandinavi e dei modi con cui viene trasmesso il virus. Sorry Finland!

Covid19 is the new Black

Branding, branding e branding“. Quante volte abbiamo già parlato di come sia fondamentale per un’azienda avere un brand accattivante? Beh il Coronavirus non poteva essere da meno:

Questo era l’ultimo, ora non potrete dire che il Coronavirus non sia bello e divertente. Se comunque volete vedere altri meme simpaticini e vi ho convinto che Reddit non è il male assoluto, seguite il canale R/CoronavirusMemes.

Daje amici, sopravviveremo anche a questa. Bacioni