Il marketing digitale (NO, non è semplice “marketing fatto online”) è quell’insieme di azioni compiute allo scopo di intercettare potenziali clienti attraverso canali digitali. Questo significa dover includere nel quadro generale non solo i social media o l’email marketing, ma anche i sistemi di messaggistica, il proprio sito web e tanti altri mezzi. 

Il marketing digitale, soprattutto per le PMI, si sta rivelando una fonte di crescita, che porta ad ottimi risultati e sulla quale si investe sempre di più. Sedetevi comodi e partiamo dalle basi!

1. Il sito web

Il sito web è insostituibile, è il tuo negozio o ufficio online e deve rispecchiarti, seguire tutte le linee guida che già utilizzi per comunicare con i tuoi clienti e deve essere semplice, intuitivo e chiaro. Chi lo visita deve trovare facilmente tutto ciò che potrebbe cercare. 

2. Essere mobile friendly

Sono ormai quattro anni che la fruizione da mobile (che esso sia cellulare o tablet) ha sorpassato quella da desktop. Molte ricerche sono infatti eseguite al momento, in movimento, ed è per questo che il ranking di Google favorisce i siti ottimizzati per mobile.

Essere mobile friendly ormai, soprattutto per le attività commerciali locali, significa essere precisi anche su Google My Business. I potenziali clienti hanno bisogno di conoscere con certezza numero di telefono, indirizzo e altri dettagli come gli orari di apertura, dopo averti individuato.

3. L’ email marketing

Se non lo utilizzate ancora, iniziate, magari con dei tool gratuiti, come quelli che vi avevamo già consigliato.

4. La SEO

Search Engine Optimization. L’ottimizzazione per i motori di ricerca è fondamentale per veicolare risultati organici. Ci sono diversi elementi da includere pensando a questo tipo di ottimizzazione come ad esempio i backlink da siti esterni, le keywords e molto altro.
Se non sai da dove partire ne avevamo parlato qui!

5. Il content marketing

Facciamola semplice e parliamo in italiano: qui si tratta della ciccia, dei contenuti da creare apposta perché vengano utilizzati online. Sembra banale ma è bene concentrarsi su tutto ciò che può servire ad attirare clienti, interessarli e portarli verso un’azione da compiere. Al via dunque con i video, i blog post, le infografiche, i libri bianchi e molto altro.

6. Il social media marketing

Utilizzare il social media marketing è una mossa quasi ovvia ed il motivo è molto semplice: chi di noi non entra su almeno un social ogni giorno? 

Le regole base da seguire sono sempre le stesse: essere sempre aggiornati sulle novità e l’introduzione di cambiamenti sulle piattaforme; studiare a fondo il proprio target per capire quale sia il social giusto su cui lavorare, il tono di voce da utilizzare e tante altre accortezze.

7. Il PPC

Pay-per-click, la pubblicità che viene pagata solamente quando qualcuno ci fa click sopra. Spesso, soprattutto all’inizio, è difficile risultare in alto tra i risultati organici di un motore di ricerca. Per questo motivo i motori di ricerca effettuano delle aste per quegli inserzionisti che, attraverso il PPC, si accaparrano uno spazio sponsorizzato appena sopra o accanto ai risultati organici. Ovviamente non basta pagare, i motori di ricerca tengono conto della quota offerta dall’inserzionista per ogni click, ma anche della coerenza tra i contenuti offerti e le parole chiave ricercate. 

Image result for ppc

8. La messaggistica

Il digital marketing passa anche dall’invio di SMS o messaggi attraverso app come Telegram, Messenger, Whatsapp e WeChat

Ebbene si, parliamo di tutto quel mondo che comprende chatbot, campagne Facebook Ads che indirizzano su Messenger, canali Telegram, giochi per interagire con il proprio pubblico e molto molto altro. E a proposito, vi siete iscritti al nostro canale Telegram?

9. La marketing automation

Semplifichiamoci la vita quando si può. Approfittiamo di questa tecnologia che, automatizzando determinate azioni, ci aiuta con le cose più ripetitive. Alcuni esempi? 

  • Inviare le newsletter
  • Pubblicare post sui social
  • Mandare risposte automatiche ai messaggi
  • Drip marketing, ossia l’invio automatico di una mail dopo che il cliente (o potenziale tale) svolge una determinata azione

10. Le recensioni

I siti di recensione non sono completamente parte del marketing digitale, ma del resto non possiamo neanche escluderli dal panorama di ciò che deve essere tenuto sotto controllo. 

Come per Google My Business, anche qui tieni aggiornati i dati essenziali che possono servire ai clienti per rintracciarti. Altra regola fondamentale da non dimenticare: rispondi, sempre in maniera garbata, alle recensioni, soprattutto quelle negative e non far mai passare troppo tempo.