Bitcoin, blockchain, mining, wallet? Mmh… per me è la cipolla!
Se anche voi siete bombardati da queste parole e volete approfondire tutto il mondo delle criptovalute per capirne un po’ di più (il tutto senza essere geni dell’economia e della finanza… ehm come me insomma), questa vuole essere l’umile guida che fa per voi!

Che cos’è il bitcoin?

Il bitcoin è una moneta. Ma non una moneta di carta o di metallo. Si tratta di una moneta virtuale ed elettronica, composta da una serie di numeri, che esiste solo su Internet e che può essere usata solo tramite il mondo online. 

I wallet

Questi bitcoin sono contenuti in appositi programmi informatici, chiamati, non a caso, wallet. I creatori del bitcoin volevano dare vita ad un’alternativa al denaro contante,  che è anonimo, pertanto lo sono anche i wallet. Essi sono riconoscibili attraverso un codice abbastanza complesso e sono accessibili attraverso una password personale. Se non possiedi un portafoglio, dunque, non puoi avere monete virtuali. Una cosa interessante del sistema dei bitcoin è che l’invio di denaro da wallet a wallet, a differenza di molti sistemi di pagamento online, avviene in tempo reale ed è, inoltre, completamente gratuito. 

Chi emette i bitcoin?

L’intero sistema dei wallet del mondo connessi online (e tra di loro) emette i bitcoin. Non esiste una banca centrale, come ad esempio succede per il nostro Euro né si fa riferimento ad alcuno stato. Proprio per questi motivi, ognuno è libero di scegliere se accettare e usare (o meno) la moneta virtuale o meno.

Quanto vale 1 bitcoin?

Non esiste nessuna corrispondenza diretta fra bitcoin e le monete che noi conosciamo, ma esiste un cambio che oscilla spessissimo: si parla di variazioni anche al minuto. Per sapere la quotazione in tempo reale e avere altre informazioni, come il numero di transizioni e di bitcoin in circolazione, si può consultare questo sito. Per esempio, in questo momento 1 bitcoin vale circa 6.500$.

E la blockchain?

Per impedire la duplicazione di un’informazione e, quindi, per evitare la falsificazione di monete virtuali, tutto il sistema dei bitcoin si basa su una tecnologia davvero innovativa e inviolabile: la blockchain, che significa catena di blocchi. Si tratta di uno strumento molto complicato, che sfrutta la crittografia per formare dei blocchi, crittografati con chiavi immodificabili collegati l’uno all’altro. In sostanza, la blockchain è un registro pubblico. La sua particolarità è, tuttavia, quella di essere distribuito: non esiste un proprietario. Esistono, infatti, migliaia di migliaia di registri, presenti su altrettanti differenti computer, tutti con la stessa blockchain e che non fanno riferimento a nessun server centrale. 

Vi lascio, infine, alcune fonti in italiano che ho trovato molto d’aiuto nella stesura di questo articolo, nel caso in cui voleste approfondire di più qualche aspetto:

E se vi piacciono le nostre umili guide a puntate, beccatevi anche quella sulla SEO!