Il weekend è fatto per mettere il naso fuori di casa, per scoprire cose nuove e fare networking. Ecco perché noi l’abbiamo passato interamente ai Torino Graphic Days vol. 03.

Qual è la prima cosa da fare quando si conosce qualcuno? Presentarsi.

Ma come farlo in modo innovativo? Ci ha pensato Instragram con il nuovo aggiornamento. Sto parlando della funzione Nametag.

Instagram ha aggiunto una nuova funzione alla propria app che rende più facile l’essere individuati. L’avrete sicuramente notato dalle varie stories, dalla notifica in alto a destra nella schermata del proprio profilo o dai volantini sparsi ai Torino Graphic Days.

 

Cos’è il Nametag di Instagram?

Vi ricordate Snapchat e il famoso fantasmino che se scansionato vi permetteva di seguire al volo quell’utente, senza ulteriori ricerche? Instragram ha generato il clone di QR SnapCode.

È una sorta di biglietto da visita innovativo, per presentarsi e farsi conoscere attraverso Instagram, al momento della scansione. È istantaneo come un QR Code, basta inquadrarlo con lo smartphone, senza dover passare dal campo di ricerca. Un modo unico e divertente per seguire profili interessanti, appena incontrati ad un evento.

Anche qui gioca la creatività. È possibile personalizzare il proprio Nametag attraverso lo sfondo: a colori, a emoji, o con selfie.

La grande evoluzione che ha fatto però Instagram, rispetto a Snapchat, è stata quella di rendere ben visibile il nome utente, e non inserirlo all’interno del QR code.

 

Come funziona?

Funziona come un QR code. Un utente Instagram, inquadrando il Nametag di un altro utente, può accedere direttamente al suo profilo senza dover digitare nella barra di ricerca il nome utente.

Il nametag lo potete trovare sul vostro profilo, o nel menu a comparsa in alto a destra. Sempre qui si trova lo scanner con cui visualizzare i nametag dei nuovi contatti.

Premendo il tasto in alto a destra è possibile esportare il nametag. Quindi si può stampare la grafica, come il classico biglietto da visita (ma con il QR code) oppure mostrarlo digitalmente.  

Per i più smemorati, è stato inserito lo scanner amnche nell’area ricerca (quella contrassegnata dalla lente di ingrandimento in basso 🔎) e poi cliccare sul simbolo Nametag in alto a destra. Mi riferisco alla nuova icona circolare inscritta dentro quattro angoli.

 

A cosa serve?

La nuova funzionalità di Instagram è stata progettata per aiutare gli utenti a farsi conoscere anche su altri social. L’idea è di rendere Instagram un ambiente più pubblico, come una sorta di evento di networking: rapido e semplice.

La funzione Nametag rende più facile promuovere visivamente il proprio account, semplificando l’azione di follow up. Grazie al nuovo aggiornamento, basterà mostrare il proprio nametag e ridurre le fasi di ricerca, di spelling e misunderstanding imbarazzanti.

 

Come sfruttare al meglio il Nametag?

Il Nametag offre un nuovo modo di connettersi con altri utenti di Instagram, ma non solo nella vita digitale, anche in quella reale. Dato che è possibile esportare il Nametag come immagine, ci sono innumerevoli modi per sfruttare tale funzione e aumentar il numero di follower.

Questa funziona è molto utile a influencer (o aspiranti tali), aziende o profili business: potranno pubblicare il proprio nametag su altri canali social, stamparlo su poster, volantini, biglietti da visita o altri materiali promozionali.

Ad esempio, chi vende prodotti fisici, potrebbe persino aggiungere il nametag sull’etichetta o sulla confezione, per incoraggiare i clienti a seguire il proprio account.

Dimostrandosi di nuovo per quello che è, Instagram si sta evolvendo più velocemente di altri. Ha di nuovo migliorato una funzionalità di Snapchat, consapevole che le aziende non possono apparire nel canale Discover. Privilegiando il business, ha spinto i profili aziendali a promuovere i loro prodotti sul social visivo per eccellenza. Instagram offre sempre più nuove opportunità e nuovi business.

 

Ha senso inserire il Nametag nelle Instagram Stories?

Per ora, non c’è modo di scansionare un nametag che è stato condiviso su Instagram Stories, ma noi del Funnel ce l’aspettiamo in un futuro non troppo prossimo.

Sarebbe interessante sfruttare le Stories per farsi conoscere, ma come farlo? Al momento solo con gli hashtag giusti.