È Settembre, e come ogni “nuovo anno” che si rispetti iniziano i nuovi progetti, i nuovi propositi e le nuove sfide.

Bene, eccomi di nuovo qui. Davanti ho il mio Mac e un immenso foglio bianco. Task del giorno: SCRIVERE UNA BIO PER INSTAGRAM.

Che ci vorrà mai?

  • nome
  • professione
  • passione

Nota per me: “ricordati di nominare Fuori dal Funnel, sennò chi la sente poi Mollibet”

 

Dov’ero? Mi sono già persa. Il mio cervello ha prodotto una quantità tale di idee da rendermi più confusa di prima. Su cosa punto? Simpatia o professionalità? Una scelta che sembrava puramente banale mi ha già fatto perdere il primo timer (mi riferisco alla tecnica del pomodoro, ne ho parlato qui). Cavolo! Imposto di nuovo il timer e via. Ora produrrò qualcosa di sensato, me lo sento.

 

Niente, secondo timer. Foglio ancora bianco. Cervello sempre più arruffato dalle idee.

 

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. La bio è un elemento fondamentale per i profili social, soprattutto se si vuole far colpo su grandi e piccole aziende (non temete, affronteremo il social recruiting la prossima volta). Deve quindi catturare l’attenzione dei visitatori e invogliarli a proseguire l’esplorazione del feed.

 

Ingredienti fondamentali:

  • descrizione (parte testuale)
  • foto profilo
  • creatività q.b.

 

Come metterli insieme? Ecco una mini guida su come scrivere una bio “simpy” versione PRO (aka Professional) su Instagram.

 

  1. Ancora meno di un tweet

Ebbene sì, siate brevi. Imparate a creare storytelling con soli 150 caratteri. Puntate tutto sul tone of voice, farà la differenza! Mi raccomando però, dovrà essere catchy e coinvolgente. Dovranno emergere la vostra personalità e la vostra creatività. La bio dovrà essere chiara, informativa e completa.  

  1. Emoji is the new elenco puntato

Utilizzate le emoji come elenco puntato, per creare un contenuto diverso su ogni riga. Attenzione però, è necessario scrivere la bio su un tool diverso da Instagram, poichè l’app non permette di andare a capo. In più siate furbi, risparmierete caratteri.

  1. Hashtag è il nuovo must have degli influencer

Se il vostro mood è #wannabeinfluencer, allora createvi il vostro hashtag e rendetelo virale. (Non sapete da dove partire? Qui si parla di #hashtag e più precisamente di come sceglierli). Oppure sfruttate quelli di un brand o di una campagna virale, like as #AsSeenOnMe.

  1. Link, click, win.

Pensate alla vostra bio su Instagram un po’ come al vostro elevator pitch. Presentatevi in pochissimi secondi, per tutto il resto c’è il portfolio. Inserite il link del vostro sito, blog o profilo social che più vi dà valore aggiunto. (Se volete monitorare il numero di persone che ci ha cliccato sopra, puoi usare un link tracciato o un tool esterno. Anche qui, no spoiler. Aspettate la prossima puntata).

  1. This my ACTION so CALL me maybe

Avete inserito un link, di conseguenza vi interessa che gli utenti vengano dirottati sul vostro sito. Che aspettate, aiutateli. Includete una call to action (tag, click, iscrizioni ecc) et voilà. Se siete bravi, le visualizzazioni aumentaranno.

  1. Old but gold

Usate sempre lo stesso nickname su tutti i social che utilizzate, in modo da creare una sorta di brand awareness. Fatevi seguire e riconoscere con facilità. Attenzione però, non dimenticatevi di indicare il vostro nome “reale”.

  1. If you HIGHLIGHT everything you highlight nothing

Instagram ci ha fatto un dono, le Stories Highlights. Sfruttiamole! Raccogliete le vostre storie più significative nei cerchiolini colorati. Convertite gli highlights in una sorta di trailer per il vostro feed di Instagram. Sbizzarritevi, date sfogo alla vostra creatività e fatevi conoscere. Appaiono direttamente sotto la vostra biografia e sono una raccolta di stories a tempo indeterminato (ma questo già lo sapete). Attenzione anche qui, tutto e troppo non sono una strategia vincente.

  1. Punta tutto sul FONT

Sono sicura che l’avrete già notato da qualche parte. È possibile cambiare il font, non solo nelle stories ma anche nella bio. Anche se non è così popolare rispetto a qualche anno fa (vi ricordate messanger, myspace e molto altro che… che ne sanno i 2000?!), ho trovato qualche utente che lo sfrutta a suo vantaggio, per apparire diversi dagli altri.

Come farlo? Ci sono diverse app come Cool Fonts, Font Maker, iFont e Stylish Fonts.

Amica perdonami, ma non potevo non usarti.

  1. Tutto lavoro sprecato

Se avete seguito tutti i miei consigli fino a qui, non potete avere il profilo privato. Sarebbe tutto un lavoro sprecato. Quindi correte nelle impostazioni di Instagram e assicuratevi di avere il profilo pubblico. Mostrate il vostro profilo ai curiosi, o lasciamo ingelosire le ex fidanzate stalker (tanto vi spiano comunque).

Verificate quindi che l’impostazione “Account privato” sia disabilitata.

 

  1. Ingrediente segreto.

Mi spiace, il segreto resta. Per qualsiasi reclamo potete rivolgervi al nostro Customer Care.

Utilizzando questi piccoli trucchi vedrete che il numero dei vostri follower crescerà e aumenteranno anche le visite al vostro blog.