Fuori dal Funnel alla.png

di Elisabetta Molli – @mollibet

Il loro motto è LEARNING BY DOING – imparare facendo e sicuramente si impara tanto entrando nel mondo del MARKETERs Club.

MARKETERs Experience: TOuch the future non è stato solo un evento, ma una vera e propria esperienza dove abbiamo conosciuto molti ragazzi pieni di voglia di fare, ma anche innovatori e professionisti che ci hanno mostrato il bello, ma anche il brutto del loro lavoro attraverso tre talk.

Nata a Venezia, il MARKETERs Club è un’associazione riconosciuta a livello internazionale che permette a studenti creativi ed appassionati di marketing, comunicazione, innovazione, strategia d’impresa o più semplicemente di business di toccare con mano tutto quello che solitamente studiano tra i banchi dell’Università.

Da pochi mesi è nata una sede anche qui a Torino e, ovviamente, alcuni studenti di Comunicazione ICT e Media (ma non solo) si sono buttati a capofitto in questa nuova avventura perchè sui libri si impara la teoria, ma la pratica è tutta un’altra cosa!

IMG_1053

Il 30 giugno infatti il team torinese ha invitato noi di Fuori dal Funnel al primo evento marchiato MARKETERs Club Torino alla Scuola di Management ed Economia dell’Università degli Studi di Torino. MARKETERs Experience: TOuch the future non è stato solo un evento, ma una vera e propria esperienza dove abbiamo conosciuto molti ragazzi pieni di voglia di fare, ma anche innovatori e professionisti che ci hanno mostrato il bello, ma anche il brutto del loro lavoro attraverso tre talk.

Quando si comunica è estremamente essere “me cojoni”

Così esordisce Simonluca Scravaglieri di (rullo di tamburi prego)… CERES! Riproponendo la video intervista al regista Castellani, spiega che come quando si scelgono i titoli dei film, quelli più adatti sono di solito quelli che ci fanno esclamare “me cojoni” e non “sti cazzi”. Lo stesso dovremmo pensare quando scriviamo un copy o un articolo. Inoltre, se anche voi siete innamorati del loro real time marketing (se non sai cos’è clicca qui) da Oscar, bé abbiamo da darvi una cattiva notizia: Cerès abbandonerà questa tipologia di marketing digitale, perché ha fatto aumentare il numero di like al brand, ma lo stesso non si può dire delle vendite!

IMG_1119.JPG

Costruire un ecosistema intorno alla Community

Poi arriva il turno di Maria Fossarello, marketing manager di Bla Bla Car Italia. La fiducia è il principio su cui si basa il Bla Bla Car, ma lo sapevate che la maggiorparte delle persone si fida più del ragazzo con cui andrà in macchina (e non ha mai visto), piuttosto che del suo vicino di casa?! L’economia della fiducia sta prendendo piede: basta pensare alla teoria che è alla base della sharing economy… Bla Bla Car sta innovando se stessa seguendo proprio questo principio e creando una linea apposita per chi percorre sempre lo stesso tragitto (oltre i 30 km). Questo nuovo servizio è chiamato BlaBlaLines: l’idea è quella di costruire un ecosistema intorno alla community.

IMG_1072.JPG

Dall’online all’offline per tornare all’online: complicato vero?

Simone Maggi è CEO & Co-founder di Lanieri, ovvero il primo e-commerce italiano dedicato all’abbigliamento maschile su misura. “Non sapete quanto è stato difficile riuscirci!” così ci ha raccontato la storia di questo servizio: se non è facile vendere abiti online, figuriamoci prodotti sartoriali fatti su misura…online.

Il primo mese di vendite è stato nullo, così come il secondo. Il terzo ha avuto poche vendite. C’era qualcosa che non funzionava, allora le scelte erano due: chiudere o essere testardi e andare a capire cosa c’era di sbagliato. Grazie all’apertura di un temporary show a Milano, Lanieri è riuscito a risolvere le sue problematiche. Da allora, il servizio propone: la scelta del tessuto (viene mandato a casa un campione per poterlo testare) e il configuratore 3D che aiuta il cliente a fornire al servizio le giuste misure. Grazie a queste migliorie, l’e-commerce ha raggiunto ¼ della popolazione mondiale.

lanieri

Ecco che in un solo giorno abbiamo toccato con mano quello che sarà il futuro di tutti noi studenti di comunicazione, marketing ed economia e di quello che ci aspetta nel mondo del lavoro che in qualunque azienda sia, sarà creativo, innovativo, terribilmente difficile, ma sempre bellissimo.

Se questo non vi basta guardate con i vostri occhi!