il-like-della-buonanotte-1
Instagram header post

di Irene Marchesano – @IMIreneM

Se vi chiedessero cos’è l’ultima cosa che fate prima di andare a letto, cosa rispondereste? Lavarsi i denti? Bere un bicchiere d’acqua? Leggere un libro? Guardare un bel film?

Sono tutte possibili risposte, ma vi posso assicurare che la maggior parte di noi girovaga fra i social. E ad essere sinceri, ai casi patologici come me, capita di farlo su Instagram. Ecco perché oggi parleremo di 5 PROFILI che non sono necessariamente quelli più seguiti, ma che meritano almeno un’occhiata.

@thingsinred

“I have a problem. I see things in red”. Potete già intuire di cosa si tratta. Foto di oggetti, concerti e monumenti rielaborati in rosso. Il formato si alterna fra quadrato e rettangolo e l’effetto finale è veramente molto bello. Insomma andate a farvi un giro!

red-prof-1

@letteringdatorino

Una galleria tipografica che spazia dalle insegne dei locali storici ai nomi delle vie, tutte sparse per la città di Torino. A volte sono proprio cose grafiche di cui non ci accorgiamo sebbene percorriamo una via anche 5 volte al giorno. Dalla scritta FIAT di via Chiabrera 25 a le “pelletterie” di Corso Belgio. Un archivio grafico tutto da scoprire.

lettering-prof-1

@giacomo.sandolo

Toni chiari, sfumature di azzurro e… edifici. Tanti edifici: dal classico Colosseo all’Arco Olimpico di Torino simbolo dei XX Giochi Olimpici invernali, dal museo d’arte Guggenheim di Bilbao agli edifici della Calle General Elorza di Oviedo in Spagna e così via. Tutto è filtrato dagli occhi di un architetto che osserva i dettagli, li priva del contesto in cui si trovano trasformandoli in vere e proprie opere d’arte.

giacomo-prof1

@rawcedine

Amanti delle liste e delle cose belle fatevi sotto! Il profilo Cristina è un mix di immagini che mettono il buonumore. Non si limita solo a foto, ma cattura illustrazioni, fidanzato, cibo e luoghi tutti in un’unica gallery molto artsy e colorata.

cristina-profilo-raw

@capt_tomatohead

“Una società che non scrive sui muri è una società muta. E a me, i popoli muti, non sono mai piaciuti”. Ecco come Alessandro fa parlare i muri delle nostre città: li cattura in uno scatto e li raccoglie come collezione su questo profilo. Voi avete delle scritte che meritano di essere condivise? Se gliele invierete, potreste essere ricondivisi!

capt-tomatoed

Ecco queste sono le nostre proposte, e voi chi ci consigliate?